LA ROTTURA DEL PERNO DELLA MEZZALUNA SCIITA

Posted: 02/22/2012 by editormary in Iran, Middle East, Syria

la situazione attuale

WRITTEN BY Alon Ben-Meir per l’Huffingtonpost byTraduzione di TIZY ITALYA

Raramente la linea di demarcazione che si trova tra le forze della moderazione e le forze dell’estremismo è stata così chiara in Medio Oriente. L’estremista anti-occidentale, guidato dall’Iran sciita e costituito dall’ Iraq (in gran parte operante per volere dell’Iran), Siria e Libano, sono stati fortemente sovvenzionati, negli ultimi tre decenni, dalle risorse finanziarie di Teheran. La capitale politica ora è in grave pericolo di crollo grazie alla crepa nel suo anello più critico: il regime di Assad in  Siria. D’altra parte, la tragedia umana in Siria ha creato un interesse comune, rara tra i vecchi ed i nuovi regimi arabi, Turchia, Stati Uniti e l’Unione europea per far emergere le potenzialità di un governo rappresentativo a Damasco.

Tuttavia, mentre l’Iran, la Russia e la Cina stanno facendo tutto il possibile per evitare la caduta di Assad, le forze internazionali e le forze regionali moderate, devono ancora raccogliere la sfida. A meno che questa libera alleanza di forze moderate chiuda i ranghi e si imbarchi su uno sforzo decisivo per rompere la Mezzaluna sciita, il popolo siriano sarà lasciato solo ad affrontare una strage continua e perderà l’occasione storica di entrare in un nuovo, pacifico e potenzialmente più democratico orientamento in Medio Oriente. La Turchia si distingue soprattutto per la sua influenza e la valutazione di quello che otterrebbe da un coinvolgimento più forte delle forze di moderazione.

Infine, le riforme introdotte dal governo di Assad, che annunciano il referendum su una nuova costituzione, con elezioni parlamentari sono solo un espediente volto a guadagnare tempo. Pertanto, nessuno deve sorprendersi che queste riforme fasulle sono state supportate dalla Russia e, più recentemente, dalla Cina. Riforme che non saranno accettate dal popolo siriano che ha sacrificato così tanto solo per accontentarsi delle briciole, pretese sotto la costrizione di un governo che ha perso l’orientamento e la credibilità. Assad e la sua corte ha rifiutato di assumere un impegno solido e, successivamente, è stato coinvolto in una totale prevaricazione sistematica – per tutto il tempo in cui persistono violente repressioni. Il problema della Siria non sta nella formulazione delle sue leggi, ma nel regime stesso che elabora e implementa queste leggi.

La prossima riunione della LA, in Tunisia il 24 febbraio, dovrebbe capitalizzare il forte messaggio inviato dalle 137 nazioni al consiglio generale delle Nazioni Unite, che  condanna l’assalto delle forze di sicurezza siriane sui suoi cittadini, fornendo quel sostegno morale che va al di là delle polemiche e apre la porta all’azione reale sul terreno. I membri del campo moderato dovrebbero attuare le misure coraggiose come la creazione di un “Corridoio Umanitario libero” ritagliandosi una porzione di territorio siriano al confine Nord con la Turchia . Come in Libia, una no-fly zone air-pattugliata dalla NATO e  gli Stati membri della LA, dovrebbe essere immediatamente istituita su questo corridoio, ma senza impegnarsi in combattimenti con le forze governative, fatta eccezione per la difesa del corridoio.

Il corridoio, da un lato fornirebbe un rifugio umanitario sicuro per i rifugiati civili in fuga dalla violenza e l’accoglienza per i militari disertori da una parte, e dall’altro servirebbe come base per armare l’esercito siriano Libero, come hanno recentemente sostenuto i senatori John McCain e Lindsey Graham, entrambi membri del Senate Armed Services Committee. Inoltre, il corridoio consentirà al Consiglio nazionale siriano (SNC) di mettere un piede sul terreno siriano, preparando così il terreno per il suo riconoscimento da parte della Lega Araba, potenze musulmane occidentali e altri. Inoltre, il SNC dovrebbe istituire un governo ombra composta da professionisti non-ideologici e tecnocrati che inizino a pianificare un accordo per l’era post-Assad. I Membri della NATO, in particolare la Francia (che ha già avanzato l’idea di un corridoio aereo umanitario nel novembre scorso), così come la LA probabilmente sosterranno tale proposta.

Israele può tranquillamente contribuire aprendo e monitorando da vicino la frontiera con la Siria per i rifugiati provenienti dal sud della Siria, in quanto la zona nord, totalmente assediata dalle forze di sicurezza, non sarebbe per loro praticabile. Questa azione israeliana può essere fatta in coordinamento con la Giordania, che confina sia con la Siria e Israele. Ma la più grande responsabilità è della Turchia con il pieno sostegno della Lega araba.

Di tutti i membri moderati del campo, la Turchia è la più grande delle parti interessate in Siria. Breve di un intervento della comunità internazionale, l’attuale conflitto in Siria si trasformerà presto in una vera e propria guerra civile che inonderà la Turchia con i rifugiati, potenziare la base PKK nel nord della Siria, e garantire un’influenza allargata iraniano sue immediate vicinanze, tutti a svantaggio della Turchia. Allo stesso tempo, la Turchia è meglio situato geograficamente e politicamente, per consentire e sostenere la creazione di questo corridoio lungo il confine sud-est. Una Turchia che prende l’iniziativa non solo dimostrare una vera leadership in Medio Oriente e rafforzare ulteriormente la sua alleanza con l’Occidente, ma anche di colmare le sue relazioni con un mondo arabo che è diventato sempre più preoccupati per un neo-ottomano nella politica estera regione. Per Ankara, è il momento di riconciliare con la realtà amara che non c’è via di mezzo: o fermare l’Iran, in Siria e terminare i campi di sterminio o consegnare la Siria al dominio iraniano, in tal modo incoraggiando ulteriormente l’Iran a perseguire la sua ambizione di diventare potenza egemone della regione potenzialmente dotato di capacità nucleari.

Per tutti gli effetti, la Siria è diventata il campo di battaglia tra le forze della moderazione e le forze dell’estremismo in Medio Oriente. Deboli tentativi da parte della comunità internazionale porterà da nessuna parte finché ignorare le realtà del regime baathista in Siria. Allo stesso tempo, ogni prospettiva di raggiungere un qualche tipo di un accordo concordato da Assad, che ha lo scopo di responsabilizzare il popolo siriano è un’illusione. Rimuovere la Siria dalla stretta dell’Iran, tuttavia, pur liberando il popolo siriano Assad da catene avrà drammatiche conseguenze geopolitiche come sarà anche cambiare l’equazione di potenza in tutto il Medio Oriente. A dire il vero, il disaccoppiamento Siria in attesa Iran sarebbe sottolineano ulteriormente l’isolamento regionale e internazionale di Teheran e potrebbe evitare un’azione militare contro l’Iran da Israele o gli Stati Uniti, il cui scopo sarebbe quello di porre fine alle sue ambizioni nucleari. La vittoria dell’Iran e co. in Siria sarebbe catastrofico per la regione e deve essere interrotto l’opportunità attualmente disponibili. Garantendo un cambiamento di regime di sostegno del desiderio del popolo siriano per la libertà, la Mezzaluna sciita sarebbe rotto e mettere pressione insormontabile contro l’Iran per porre fine alla sua ingerenza negli affari dei suoi vicini arabi.

ORIGINALE http://www.huffingtonpost.com/alon-benmeir/syria-the-lynchpin-to-bre_b_1290902.html

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s